Il corpo sportivo tra trasparenza e eccentricità