Il piano attestato di risanamento “protetto”