Sulla 'Trascendenza dell'Ego' di J. P. Sartre