Il “segno artistico”: una prospettiva sociologica