Immaginari e sofferenze linguistiche: la comunicazione artistica come codice dell’“approssimazione”