La rappresentatività rivisitata: il caso dello sciopero