La maior pars non è sempre la sanior pars: i creditori in conflitto d’interessi non possono votare sulla proposta di concordato