Controllo sulla motivazione: davvero la Corte non è “giudice del fatto”?