Sistemi e trascendenze: le identità “vulnerabili”