La comunicazione artistica come urgenza polisemica