Diritti di gruppo e donne: un approccio “intersezionale”