Il pathos che educa: contributo a una pedagogia della finitudine