Dalla carta all’ipertesto: il viaggio come narrazione geografica