"Si legge male quando si legge in ginocchio": Renan e il Collège de France