Sulle ricerche dei dottorandi: una critica empatica