Giovanni Della Casa, Pietro Vettori e il loro carteggio in volgare