Contratto a termine: ritorno alle origini