Cisti pineali: un reperto accidentale in risonanza magnetica?