Il ‘principio di razionalità’ contro l’ineffabilità culturale e in difesa del relativismo etico