Gli studi antiquari del Borghini: ipotesi per nuove ricerche