Su Cervantes, Manzoni, Sciascia: storia breve di un equivoco sul percorso della parola “mafia”