L’«equa remunerazione» per l’uso di materiale di moltiplicazione e la mancata attuazione dei «diritti degli agricoltori» sulle sementi