Prime impressioni su alcune interferenze fra la riforma del codice di procedura civile e la legge fallimentare