Ambiguità e limiti di una teoria 'etnica' dei diritti