Verdi politico. Il musicista come “bourgeois” e come “citoyen”