La "decretazione della crisi" e la torsione accentratrice del regionalismo italiano