LA REGOLAMENTAZIONE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL CASO PUGLIA