«Privatizzazioni» e conservazione della posizione previdenziale