La pastorizia urbana, un ossimoro?