L’attività dell’agente di commercio e del mediatore: tra privilegi corporativi, concorrenza e «crisi di identità»