Negli ultimi anni diversi gruppi ceramici sono stati pubblicati dall'area della baia di Napoli (Napoli, Pozzuoli, Campi Flegrei), dall'area prossima al Vesuvio, dalla Campania settentrionale e dalla ampania interna. Questi nuovi dati indicano l'esistenza di officine ceramiche che hanno prodotto sia vasellame che imitava la terra sigillata e la ceramica da cucina prodotte contemporaneamente nel nord-Africa, che altre ceramiche da tavola o da dispensa (le "colour coated wares e, in seguito, la ceramica dipinta). Queste officine erano site soprattutto nelle aree rurali, strettamente legate alle attività agricole che producevano un surplus per il mercato e le loro ceramiche hanno circolato ben oltre la loro area di produzione. La distribuzione della ceramica prodotta nell'ager Fallernus, per esempio, ben documentata nell'area della baia di Napoli ed anche nella Campania settentrionale e nel Sannio suggerisce uno stretto legame con il sistema delle nundinae, attraverso il quale hanno circolato sia le derrate agricole che la ceramica.

Appunti sulla produzione e circolazione della ceramica tra la Baia di Napoli e la Campania settentrionale tra II e V secolo d.C.

SORICELLI, Gianluca
2015

Abstract

Negli ultimi anni diversi gruppi ceramici sono stati pubblicati dall'area della baia di Napoli (Napoli, Pozzuoli, Campi Flegrei), dall'area prossima al Vesuvio, dalla Campania settentrionale e dalla ampania interna. Questi nuovi dati indicano l'esistenza di officine ceramiche che hanno prodotto sia vasellame che imitava la terra sigillata e la ceramica da cucina prodotte contemporaneamente nel nord-Africa, che altre ceramiche da tavola o da dispensa (le "colour coated wares e, in seguito, la ceramica dipinta). Queste officine erano site soprattutto nelle aree rurali, strettamente legate alle attività agricole che producevano un surplus per il mercato e le loro ceramiche hanno circolato ben oltre la loro area di produzione. La distribuzione della ceramica prodotta nell'ager Fallernus, per esempio, ben documentata nell'area della baia di Napoli ed anche nella Campania settentrionale e nel Sannio suggerisce uno stretto legame con il sistema delle nundinae, attraverso il quale hanno circolato sia le derrate agricole che la ceramica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11695/47232
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact