Distanze e approssimazioni: lo statuto epistemologico della storia contemporanea