Il riconoscimento dell’”autonomia istituzionale” delle confessioni religiose comporta, generalmente, il divieto di ingerenza statale nell’esercizio del loro potere di governo e di giurisdizione sui propri fedeli, semplici o qualificati (ministri di culto) che siano. Tuttavia, qualora siano lesi i diritti fondamentali della personalità umana, la regola del difetto di giurisdizione sui provvedimenti confessionali in materia spirituale e disciplinare non sembra trovare alcuna applicazione.

Provvedimenti delle organizzazioni religiose in materia disciplinare e tutela giurisdizionale dei diritti: divieto di ingerenza o sindacabilità?

Parisi Marco
2006

Abstract

Il riconoscimento dell’”autonomia istituzionale” delle confessioni religiose comporta, generalmente, il divieto di ingerenza statale nell’esercizio del loro potere di governo e di giurisdizione sui propri fedeli, semplici o qualificati (ministri di culto) che siano. Tuttavia, qualora siano lesi i diritti fondamentali della personalità umana, la regola del difetto di giurisdizione sui provvedimenti confessionali in materia spirituale e disciplinare non sembra trovare alcuna applicazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/3673
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact