Il saggio intende confutare la tesi che la rete sia un "non luogo" a partire dalla considerazione che dove due persone si incontrano, mettendo in atto dimaniche identitarie e di riconoscimento reciproco, anche attraverso canali comunicativi a distanza, si instaura una relazione sociale (anche se di essa vanno colti i caratteri e le dimensioni specifiche rispetto alla relazione faccia a faccia).

Identità e riconoscimento: perché la rete è un luogo

GILI, Guido
2010

Abstract

Il saggio intende confutare la tesi che la rete sia un "non luogo" a partire dalla considerazione che dove due persone si incontrano, mettendo in atto dimaniche identitarie e di riconoscimento reciproco, anche attraverso canali comunicativi a distanza, si instaura una relazione sociale (anche se di essa vanno colti i caratteri e le dimensioni specifiche rispetto alla relazione faccia a faccia).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/3234
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact