I certificati verdi: un nuovo bene giuridico?