A proposito di "Giotto e compagni", e qualche notazione per la ‘bottega’