Nella vicenda <<Larissis contro Grecia>>, la Corte Europea ha ritenuto di non potere emettere una condanna del proselitismo in senso assoluto, e ha considerato prioritaria l’esigenza di garantire la liberta` di coscienza di coloro che sono i destinatari delle attivita` di proselitismo. La Corte di Strasburgo, aderendo sostanzialmente al punto di visto espresso dal governo greco, ha ritenuto ammissibile che le attivita` di proselitismo configurino l’ipotesi di un illecito penale e di una violazione del diritto individuale alla liberta` di religione, allorquando l’opera di divulgazione delle proprie convinzioni religiose superi i confini della semplice volonta` di testimoniare la personale adesione al messaggio cristiano, per tradursi in proselitismo ‘‘abusivo’’.

La sentenza Larissis della Corte Europea e la tutela della libertà di religione

Parisi Marco
2000

Abstract

Nella vicenda <>, la Corte Europea ha ritenuto di non potere emettere una condanna del proselitismo in senso assoluto, e ha considerato prioritaria l’esigenza di garantire la liberta` di coscienza di coloro che sono i destinatari delle attivita` di proselitismo. La Corte di Strasburgo, aderendo sostanzialmente al punto di visto espresso dal governo greco, ha ritenuto ammissibile che le attivita` di proselitismo configurino l’ipotesi di un illecito penale e di una violazione del diritto individuale alla liberta` di religione, allorquando l’opera di divulgazione delle proprie convinzioni religiose superi i confini della semplice volonta` di testimoniare la personale adesione al messaggio cristiano, per tradursi in proselitismo ‘‘abusivo’’.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/1829
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact