Su alcuni problemi interpretativi dell’art. 1 della legge 31 maggio 1984, n. 193