Crisi dell’immaginazione e morte dell’arte. Lo sguardo di Argan sui destini della contemporaneità