In margine ai ‘Fondamenti razionali e sociologici’ della musica di Max Weber