Sfera pubblica, pluralismo e media: tre modelli