Validità delle convenzioni di voto: un "anticipatory overrulling"?