Sul potere di provvedere anche dopo la nomina del commissario ad acta