In the Public Administration offices the staff often face communications which use a strictly bureaucratic language, which is difficult to understand. All this can have serious consequences both on the communicational and interactional processes between staff and users. A better comprehension of contents embedded in internal communications of Public Administration can improve communicational relations themselves and enhance the quality of service offer. To reach this goal it is necessary to take up an innovative path, which the research proposed here intends to base on the use of a technological tool which is a breakthrough, but at the same time, simple and widely used: web tv. These tools are not simply the result of watching contents on the web, but they are powered by a number of practices such as, first of all, interactivity clearly appearing from sharing, comments, embedding, video sharing/social sharing and co-authoriality which leads the web to feed on contents which are originating from the bottom, are self-produced and are user generated. This definition is the result of the analysis of the characteristics and of the historical and social evolution of media into new media and the consequent changes this evolution has brought about for audiences, for tv programs, for contents, for consumption. The aim therefore becomes that of communicating news, initiatives, memoranda and whatever else can be useful for the work of public administration staff in a simple, informal, enjoyable way. This research intends to focus in particular on the kind of web tv known as UniTv, that is university web tv, analysing it not from the aspect of the means of communication widely used by students and towards students but as a medium for University teachers and technical and administrative staff, within a web tv for internal communication in Public Administration. The hypothesis put forward is that an institutional communication expressed in “peer-to-peer” terms will bring the receivers greater comprehension and interiorization of the message. The proposed research, which is explorative and experimental, intends to focus on the different communicative issues arising from the single local contexts, from the digital divide and from the public policies on digital technology, analyzing possible solutions to make the virtual interactive process more fluent and efficient at an internal level within Public Administration (universities in this specific case). The analysis will first of all proceed from the study of cases which already exist in business, and will then lay the basis for a possible application within Public Administration. A further study may be carried out on communicational methodologies and their efficacy in the use of students’ UniTv reinterpreting the contents to adapt them to the new “audience” which is being targeted. The analysis will then include a further level with interviews and first-hand testimonials from the staff of a various universities and PA about the current mode of receiving institutional information and their level of comprehension and efficacy, and will eventually register suggestions for possible improvements of the communicational processes themselves.

All’interno degli uffici della Pubblica Amministrazione spesso i dipendenti si trovano di fronte a comunicazioni che utilizzano un linguaggio strettamente burocratico e di difficile comprensione. Tutto ciò può comportar gravi conseguenze sia sui processi comunicativo-interazionali tra dipendenti e utenti. Avere maggiore comprensione dei contenuti veicolati ad una logica di comunicazione interna nella Pubblica Amministrazione può migliorare i rapporti comunicativi stessi e potenziare la qualità dell’offerta dei servizi. Per raggiungere questo obiettivo occorre intraprendere un percorso di innovazione che, nella ricerca che qui si propone, vuole poggiare sull’utilizzo di uno strumento tecnologico all’avanguardia ma, al contempo, semplice e ampiamente utilizzato: la web tv. Tali strumenti non sono semplicemente il frutto dell’attività di guardare contenuti attraverso la rete, ma essi sono alimentati da diverse pratiche quali, innanzitutto, l’interattività ben visibile da fenomeni di condivisione, commento, embedding, video sharing/social sharing e, la co-autorialità, che porta il web a nutrirsi sempre più di contenuti dal basso, autoprodotti, user generated. Per giungere a questa formulazione si sono analizzate caratteristiche ed evoluzioni, storiche e sociali, dei media in nuovi media e le consequenziali mutazioni che questo passaggio ha comportato alle audience, ai palinsesti, ai contenuti, ai consumi. L’obiettivo diventa allora quello di comunicare in modo facile, divertente ed informale news e iniziative, circolari e quant’altro possa essere utile alle attività dei dipendenti pubblici. Questa ricerca, dunque, vuole focalizzare la propria attenzione in particolare modo sulla tipologia di web tv definita come UniTv o web tv d’ateneo analizzandole, però, non più dal punto di vista di mezzi di comunicazione utilizzati ampiamente dagli studenti e verso gli studenti ma come medium al servizio del personale docente e tecnico-amministrativo delle Università, in un’ottica di web tv per la comunicazione interna delle Pubbliche Amministrazioni. L’ipotesi che si avanza è quella che una comunicazione seppur istituzionale ma resa in termini “paritari” porta i riceventi ad una maggiore comprensione ed interiorizzazione del messaggio. La ricerca che si propone, di tipo esplorativo e sperimentale, intende focalizzare la sua attenzione sulle diverse problematiche comunicative dettate dai singoli contesti locali, dal digital divide e dalle politiche pubbliche sul tema del digitale analizzando possibili soluzioni per rendere il processo interazionale virtuale più fluido ed efficace a livello interno delle strutture della Pubblica Amministrazione (in questo specifico caso le Università). L’analisi intende procedere innanzitutto sullo studio dei casi già esistenti in ambito aziendale ponendo poi le basi per una possibile applicazione al contesto della PA. Un ulteriore studio potrà essere condotto sulle metodologie comunicative e l’efficacia di queste ultime nell’utilizzo delle UniTv studentesche rielaborando e reinterpretando i contenuti da adattare al nuovo “pubblico” che si intende raggiungere. L’analisi consterà, poi, di un ulteriore livello che vedrà interviste e testimonianze dirette dei dipendenti di diversi atenei e della PA sulle attuali modalità di ricezione delle informazioni istituzionali ed il grado di comprensione ed efficacia delle stesse raccogliendo, infine, proposte su possibili ed eventuali miglioramenti degli stessi processi comunicativi.

Le Web Tv d'ateneo come strumento di comunicazione interna. Approcci comunicativi verso personale docente e tecnico amministrativo

DI PALO, Giuseppe
2017-07-12

Abstract

All’interno degli uffici della Pubblica Amministrazione spesso i dipendenti si trovano di fronte a comunicazioni che utilizzano un linguaggio strettamente burocratico e di difficile comprensione. Tutto ciò può comportar gravi conseguenze sia sui processi comunicativo-interazionali tra dipendenti e utenti. Avere maggiore comprensione dei contenuti veicolati ad una logica di comunicazione interna nella Pubblica Amministrazione può migliorare i rapporti comunicativi stessi e potenziare la qualità dell’offerta dei servizi. Per raggiungere questo obiettivo occorre intraprendere un percorso di innovazione che, nella ricerca che qui si propone, vuole poggiare sull’utilizzo di uno strumento tecnologico all’avanguardia ma, al contempo, semplice e ampiamente utilizzato: la web tv. Tali strumenti non sono semplicemente il frutto dell’attività di guardare contenuti attraverso la rete, ma essi sono alimentati da diverse pratiche quali, innanzitutto, l’interattività ben visibile da fenomeni di condivisione, commento, embedding, video sharing/social sharing e, la co-autorialità, che porta il web a nutrirsi sempre più di contenuti dal basso, autoprodotti, user generated. Per giungere a questa formulazione si sono analizzate caratteristiche ed evoluzioni, storiche e sociali, dei media in nuovi media e le consequenziali mutazioni che questo passaggio ha comportato alle audience, ai palinsesti, ai contenuti, ai consumi. L’obiettivo diventa allora quello di comunicare in modo facile, divertente ed informale news e iniziative, circolari e quant’altro possa essere utile alle attività dei dipendenti pubblici. Questa ricerca, dunque, vuole focalizzare la propria attenzione in particolare modo sulla tipologia di web tv definita come UniTv o web tv d’ateneo analizzandole, però, non più dal punto di vista di mezzi di comunicazione utilizzati ampiamente dagli studenti e verso gli studenti ma come medium al servizio del personale docente e tecnico-amministrativo delle Università, in un’ottica di web tv per la comunicazione interna delle Pubbliche Amministrazioni. L’ipotesi che si avanza è quella che una comunicazione seppur istituzionale ma resa in termini “paritari” porta i riceventi ad una maggiore comprensione ed interiorizzazione del messaggio. La ricerca che si propone, di tipo esplorativo e sperimentale, intende focalizzare la sua attenzione sulle diverse problematiche comunicative dettate dai singoli contesti locali, dal digital divide e dalle politiche pubbliche sul tema del digitale analizzando possibili soluzioni per rendere il processo interazionale virtuale più fluido ed efficace a livello interno delle strutture della Pubblica Amministrazione (in questo specifico caso le Università). L’analisi intende procedere innanzitutto sullo studio dei casi già esistenti in ambito aziendale ponendo poi le basi per una possibile applicazione al contesto della PA. Un ulteriore studio potrà essere condotto sulle metodologie comunicative e l’efficacia di queste ultime nell’utilizzo delle UniTv studentesche rielaborando e reinterpretando i contenuti da adattare al nuovo “pubblico” che si intende raggiungere. L’analisi consterà, poi, di un ulteriore livello che vedrà interviste e testimonianze dirette dei dipendenti di diversi atenei e della PA sulle attuali modalità di ricezione delle informazioni istituzionali ed il grado di comprensione ed efficacia delle stesse raccogliendo, infine, proposte su possibili ed eventuali miglioramenti degli stessi processi comunicativi.
University WebTv as internal communication tools. Communicational approaches to teachers, technicians and administration staff
In the Public Administration offices the staff often face communications which use a strictly bureaucratic language, which is difficult to understand. All this can have serious consequences both on the communicational and interactional processes between staff and users. A better comprehension of contents embedded in internal communications of Public Administration can improve communicational relations themselves and enhance the quality of service offer. To reach this goal it is necessary to take up an innovative path, which the research proposed here intends to base on the use of a technological tool which is a breakthrough, but at the same time, simple and widely used: web tv. These tools are not simply the result of watching contents on the web, but they are powered by a number of practices such as, first of all, interactivity clearly appearing from sharing, comments, embedding, video sharing/social sharing and co-authoriality which leads the web to feed on contents which are originating from the bottom, are self-produced and are user generated. This definition is the result of the analysis of the characteristics and of the historical and social evolution of media into new media and the consequent changes this evolution has brought about for audiences, for tv programs, for contents, for consumption. The aim therefore becomes that of communicating news, initiatives, memoranda and whatever else can be useful for the work of public administration staff in a simple, informal, enjoyable way. This research intends to focus in particular on the kind of web tv known as UniTv, that is university web tv, analysing it not from the aspect of the means of communication widely used by students and towards students but as a medium for University teachers and technical and administrative staff, within a web tv for internal communication in Public Administration. The hypothesis put forward is that an institutional communication expressed in “peer-to-peer” terms will bring the receivers greater comprehension and interiorization of the message. The proposed research, which is explorative and experimental, intends to focus on the different communicative issues arising from the single local contexts, from the digital divide and from the public policies on digital technology, analyzing possible solutions to make the virtual interactive process more fluent and efficient at an internal level within Public Administration (universities in this specific case). The analysis will first of all proceed from the study of cases which already exist in business, and will then lay the basis for a possible application within Public Administration. A further study may be carried out on communicational methodologies and their efficacy in the use of students’ UniTv reinterpreting the contents to adapt them to the new “audience” which is being targeted. The analysis will then include a further level with interviews and first-hand testimonials from the staff of a various universities and PA about the current mode of receiving institutional information and their level of comprehension and efficacy, and will eventually register suggestions for possible improvements of the communicational processes themselves.
web tv; uni tv; media digitali; comunicazione pubblica; partecipazione digitale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesi_G_Di_Palo.pdf

embargo fino al 12/01/2019

Descrizione: Tesi di dottorato
Dimensione 4.78 MB
Formato Adobe PDF
4.78 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/75221
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact