Il vangelo di Marco e la comunicazione del corpo