Persona e dono: una duplice relazione