Philip Roth e la fenomenologia della paura: per una lettura del romanzo "Nemesis"