Efisio Marini in una lettera inedita di Paolo Gorini