Dall’unitarietà alla molteplicità del quadro morboso