Nuove causali (e vecchie questioni) per il contratto a termine